Alberto Cavalli è nato a Monza nel 1975. Dopo una laurea in Scienze Politiche Internazionali conseguita nel 1998 con lode presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore, frequenta un corso di perfezionamento in comunicazione e inizia a lavorare presso un’agenzia milanese specializzata in relazioni pubbliche ed eventi legati alla moda. Nel 2001 viene assunto da Dolce & Gabbana, dove lavora fino al 2007 come Press Office Manager. In parallelo mantiene la carica di cultore della materia di Storia del Pensiero Politico presso la Cattolica e conduce un’attività giornalistica, che lo porta a collaborare stabilmente con numerose riviste. Nel 2007 decide di iniziare una nuova fase della sua carriera: assume la carica di “Lifestyle and luxury goods correspondent” per il quotidiano finanziario russo Vedomosti e per il suo supplemento, How to Spend It – Russia.  Inizia nello stesso anno a collaborare con la Fondazione Cologni dei Mestieri d’Arte, un’istituzione privata non profit creata da Franco Cologni, presso la quale si occupa di relazioni istituzionali e progetti culturali. L'impegno a favore dei mestieri d'arte, via via sempre più coinvolgente, porta alla sua nomina - qualche anno più tardi - a direttore generale della Fondazione. In questo ruolo progetta e segue una serie di iniziative legate al mondo dei mestieri d'arte d'eccellenza: dai tirocini per i giovani artigiani alla pubblicazione di libri e riviste, dall'attività scientifica all'insegnamento. Nel 2009 cura la ricerca “Mestieri d’arte e Made in Italy. Giacimenti culturali da riscoprire”, seguita nel 2013 da “Artefici di bellezza. Mestieri d'arte nella moda italiana” e nel 2014 da “Il Valore del Mestiere. Elementi per una valutazione dell'eccellenza artigiana”, pubblicati da Marsilio Editori. Dal 2010 è visiting professor presso la Creative Academy di Milano, e dal 2014 è docente di “Bellezza Italiana” presso il Politecnico di Milano. Fa parte del Centre du Luxe et de la Création di Parigi e del Comitato Culturale della Fondation de la Haute Horlogerie di Ginevra.